Questo sito web ed i sui contenuti sono esenti da cookie, pubblicità invasiva, occulta, subdola, eticamente scorretta e pure da files geneticamente modificati:
per una libera informazione in un libero Stato.

ref:topbtw-1231.html/ 27 Aprile 2018/ A



Italia
L'Onore delle Armi
In ricordo del 4 Novembre 1942

Chi, in politica, non la pensa come te, è un semplice avversario politico non è il tuo nemico, e nemmeno il nemico del "popolo sovrano".

Invece , in questo momento di smarrimento mediatico, non esistono gli avversari politici ma solo i "nemici del popolo".

Se appena appena le cose vanno storte ad un partito la colpa è di tutti gli altri, i nemici , i nemici del popolo.

Nulla di più stupido.

L'intelligenza politica sta nel carpire al nemico le sue idee positive, le idee utili ad una evoluzione ed ad un miglioramento delle proprie strategie politiche, nell'assorbire il meglio.. dagli avversari.

L'intelligenza politica sta nell' adulare, corteggiare, conquistare gli uomini migliori, gli strateghi più astuti, nel portare fra le proprie file esperienze e culture diverse, tutte da assimilare.

Il vero politico non guarda alle prossime elezioni ma alle prossime generazioni.

L'intelligenza politica, poi alla fine, sta nel riconoscere l'onore delle armi allo sconfitto.

L'onore delle armi è il segno della vera superiorità, della grande classe, è la prova dell' intelligenza del vincitore.

Gli inglesi, ad El Alamein, il giorno 4 Novembre 1942 riconobbero agli italiani della FOLGORE, Leoni sconfitti, l'onore delle armi.

Ed i ragazzi della nostra Folgore lo ricorderanno per sempre.

In questi momento l'intelligenza politica è assente, la stupidità del dileggio, del "mettere alla gogna" il "nemico del popolo" una consuetudine appannaggio non solo degli stupidi ma, in definitiva, dei piccoli vigliacchi…

Ed infatti, per molti di questi insignificanti personaggi, i Leoni della Folgore evidentemente sono sole ombre in una coscienza senza sentimenti.

L'onore delle armi:
un esempio di cavalleria.. fra gentiluomini..
perché Eroi si può essere una volta tanto; galantuomini, si dev'essere sempre


( Giorgio Comerio )


- Torna alla Prima Pagina - Back to the Front Page -

Condividi su Facebook -


- I nuovi lettori di oggi - Today new contacts -

I lettori di questa pagina sono:


WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!